Homepage
Hotel
Le camere
Dove siamo
News
Itinerari
Contatti
Cookies
Privacy Policy
 
Via S.Pellico n°1
S.Trovaso di Preganziol
Treviso - Italy
Tel. +39 0422 38 31 26
Fax +39 0422 38 31 26
P.Iva 03312960267
e-mail: sole@hotelalsole.com
 
 


VENEZIA CENTRO STORICO

Partenza da San Trovaso e arrivo a Venezia (Stazione dei treni S. Lucia), imbarco sul vaporetto linea 1 da P.le Roma (visita incantevole di tutti i Palazzi sul Canal Grande) fino alla fermata Ca’ d’Oro, capolavoro quattrocentesco del gotico fiorito nell’architettura civile, così chiamata per le lamine d’oro che in origine decoravano la facciata (consigliata visita alla Galleria Franchetti), proseguite in direzione Rialto e attraversate il Ponte di Rialto, costruito in pietra a sostituzione di un ponte ligneo nel secolo XVI (a tre passaggi e due file di botteghe) - passate per il famoso mercato ortofrutticolo e la pescheria e attraverso Campo S. Polo raggiungete la Chiesa dei Frari, costruzione gotica trecentesca (consigliata visita delle opere pittoriche all’interno) – a piedi o in vaporetto (linea 1) andate a Ca’ Rezzonico – visita al Museo del ‘700 - proseguite in direzione Accademia, visita delle Gallerie (opere di Giorgione, Tiziano, Carpaccio, Tintoretto) e visita del ponte, eventuale visita al Museo Peggy Guggenheim (arte moderna).

RIVIERA DEL BRENTA

Escursione alle incantevoli Ville Venete situate lungo il Naviglio Brenta – costeggiate il corso del fiume in auto o in bicicletta (se avete una barca navigate lungo il fiume) in direzione Padova – consigliata la visita alla Villa Foscari del Palladio a Malcontenta (villa cinquecentesca a tre ordini con pronao ionico e sala interna a croce greca), Villa Widmann a Mira (villa settecentesca con timpano curvilineo e atrio a colonne doriche), Villa La Barbariga a S.Pietro di Strà (villa settecentesca con corpo centrale e con ali simmetriche), Villa Pisani Nazionale a Strà (villa settecentesca a due cortili, separati da un corpo centrale con timpano triangolare, e grande parco).


LE FESTE TRADIZIONALI

IL CARNEVALE

Rilanciato un paio di decenni fa, il Carnevale si è subito imposto all'attenzione italiana ed europea come evento da non perdere.

Ricco di storia, di suggestioni e di tradizione, il Carnevale di Venezia ha risvegliato l'interesse dei suoi abitanti e soprattutto dei moltissimi turisti grazie all'apprezzato cocktail di trasgressione, arte, storia e cultura che è in grado di offrire. In una città unica al mondo.

LA FESTA DELLA SENSA

Nei secoli scorsi la festa della Sensa ha giocato un ruolo importantissimo nella vita sociale e politica di Venezia, risultando una delle celebrazioni più importanti e sfarzose, in cui si intrecciano leggenda, mito e storia della città.
Se storicamente la Sensa è il frutto di una sovrapposizione nel tempo di riti e manifestazioni civili e religiose, oggi le si preferisce attribuire il significato di festa del Mare e quindi di festa della città che trae dal suo rapporto col mare, ragione di vita.

IL REDENTORE

Il Redentore è tra le festività più sinceramente sentite dai veneziani, in cui convive anche l'aspetto turistico, grazie al fantasmagorico spettacolo pirotecnico notturno che attrae migliaia di visitatori.
Cade la terza domenica del mese di luglio, giornata in cui si svolgono le sante messe, la funzione solenne presieduta dal Patriarca e la processione religiosa.
Ma il momento topico è sicuramente la notte del sabato: sull'inimitabile palcoscenico del Bacino San Marco giochi di luce e di riflessi tracciano un caleidoscopio di colori che si staglia dietro le guglie, le cupole e i campanili della città.
Il week-end si conclude con la Regata su gondole, all'interno della Stagione Remiera di Voga alla Veneta.

LA REGATA STORICA

La Regata storica è ancor oggi uno dei momenti più spettacolari, pittoreschi e coinvolgenti della vita cittadina, in grado nello stesso tempo di incantare i turisti e di eccitare e appassionare i locali.
Un corteo storico - una sfilata di imbarcazioni tipiche cinquecentesche, con in testa il caratteristico Bucintoro, la barca di rappresentanza della Serenissima - rievoca l'accoglienza riservata nel 1489 a Caterina Cornaro, sposa del re di Cipro, che
rinunciò al trono a favore di Venezia.
Segue la competizione vera e propria che vede gareggiare i campioni del remo, a cui gli spettatori partecipano appassionatamente con grida di incoraggiamento rivolte ai propri beniamini.

LA FESTA DELLA SALUTE

La festa della Salute è sicuramente quella dall'impatto meno "turistico", la più veneziana delle feste, ed evoca ancora un sincero sentimento religioso popolare.
Anche questa festività, come quella del Redentore, ricorda un'altra terribile pestilenza, quella del biennio 1630-31, e il conseguente voto pronunciato dal Doge per ottenere l'intercessione della Vergine e far cessare la pestilenza.
A tutt'oggi migliaia di cittadini sfilano il 21 novembre davanti all'altare maggiore dell'imponente Chiesa della Salute a perpetuare il secolare vincolo di gratitudine che lega la città alla Vergine Maria.

LA STAGIONE REMIERA (aprile - settembre)

Ogni anno da aprile a settembre a Venezia e nella sua laguna si svolgono più di 120 regate, oltre alla famosa Regata Storica.
Molte di queste competizioni hanno luogo per iniziativa spontanea; undici sono promosse dal Comune di Venezia in collaborazione con l'Associazione Regatanti e il Coordinamento delle Società Remiere, allo scopo di mantenere viva una pratica sportiva che trae origine dalla natura stessa della città.
Molte di queste regate coincidono con feste e sagre tradizionali, nelle quali un tempo la competizione rappresentava un'occasione di autentica gloria popolare ma anche istituzionale